Così ricca di storia e “storie”, Torino non è solo la prima capitale d’Italia ma anche la Città della Magia. Legata all’esoterismo e alla massoneria, questo suo velo di misteriosità la rende, secondo Giorgio De Chirico, “la città più profonda, più enigmatica, più inquietante, non d’Italia, ma del mondo”. Da sempre la città di Torino è stata collegata a leggende di culti esoterici di magia bianca e magia nera, tanto da essere denominata la città magica. Abbiamo pensato per te un un tour della Torino Magica, che ti permetterà di scoprire in 3 giorni curiosità sulla città, ma anche di vedere monumenti e luoghi appartenenti a epoche diverse; infatti le storie e le teorie legate all’aspetto “esoterico” della città risalgono agli Egizi.

Torino in 3 giorni : Giorno 1

Vertice del Triangolo mondiale della Magia Nera, con Londra e San Francisco, e della Magia Bianca, con Praga e Lione, Torino è l’epicentro delle forze oscure (Piazza Statuto) e delle energie positive (Piazza Castello).

Piazza Statuto - La porta dell’inferno

Là dove tramonta il sole e nascono le tenebre, potrai iniziare il tour di 3 giorni a Torino: piazza Statuto è considerata il punto più oscuro della città, definito, infatti, la Porta dell’Inferno.

Facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto locali, bus e tram, Piazza Statuto si trova, in realtà, non si trova molto distante dalla Stazione di Porta Susa, dalla quale si arriva comodamente a piedi dopo una piacevole passeggiata.

Nell’epoca Romana, questo punto delineava la fine della Città ed era il luogo in cui venivano giustiziati i condannati e sepolti i morti.

In questa piazza pare che ci sia una concentrazione di forze malvagie, che la rende uno dei punti del triangolo della magia nera: qui, infatti, si erge l’obelisco, che si trova dietro la Fontana del Frejus, vertice di questo triangolo.

La fontana del Frejus è costituita da grandi pietre provenienti dal Traforo del Frejus disposte a formare una piramide: in cima è raffigurato un Genio Alato con una stella a 5 punte sul capo.

Teorie esoteriche identificano il genio alato con il diavolo.

Rondo’ della Forca

A circa 10 minuti di camminata,  tra corso Regina Margherita, via Cigna e corso Valdocco, troviamo un altro punto legato alle forze delle tenebre, il luogo in cui fino al 1863 veniva eseguite le impiccagioni pubbliche. Si racconta che il fantasma di un boia sia ancora in circolazione nella vicina chiesa di Sant'Agostino, in via Santa Chiara.

Oggi all’angolo con Corso Regina Margherita è sita una statua, eretta nel punto esatto in cui una volta c’era il patibolo.

Prima di continuare il tuo giro per Torino ti consigliamo di fare un piccola sosta per gustare il simbolo culinario della città di Torino: il Bicherin.

A Torino in 3 giorni, puoi fare davvero tante cose, ma non devi perdere questa occasione, quindi ti consigliamo di recarti al Caffè Al Bicerin dal 1763, in Piazza della Consolata.

Caffè Al Bicerin

Lun - Dom dalle 08:30 alle 19:30. Chiuso il mercoledì

http://bicerin.it/

Concediti una passeggiata in Via Garibaldi, zona pedonale, nonché una tra le vie principali del centro Storico di Torino, ricca di vetrine di negozi di abbigliamento, profumerie, gelaterie e chi più ne ha più ne metta.

Per la tappa pranzo resta in via Garibaldi e accomodati in uno dei tanti bar della zona.

Piazza Solferino - Fontana Angelica

In Piazza Solferino Troverai una fontana di Bronzo, ricca di simbolismi che le attribuiscono un significato legato agli iniziati Massonici. La fontana rappresenta  quattro statue che raffigurano le quattro stagioni: due sono statue femminile e due sono statue maschili ed è considerata uno dei simboli della Magia Bianca di Torino.

Al centro della piazza potrai ammirare la statua equestre di Ferdinando di Savoia, la statua di Giuseppe La Farina e, sul lato est, Palazzo di Via Alfieri 19, in stile Liberty Torinese, il quale avrebbe ospitato esponenti della massoneria dell’ottocento.

Per terminare ti consigliamo di addentrarti nelle vie nei pressi della piazza: In particolare in Via Alfieri sono presenti diversi edifici che raffigurano diversi simboli esoterici. Molto interessante è Palazzo Trucchi di Levaldigi, in via XX settembre, famoso per il suo Portone del diavolo. Oggi il palazzo ospita la Banca Nazionale del lavoro ed è conosciuto con il nome di Palazzo del Diavolo.

Per rimanere in tema diabolico, per la cena potresti andare al Quadrilatero Romano, cenare in una ottima Trattoria piemontese e, perchè no, fare un cocktail dopo cena alla Casa del Demone in Via San Domenico, 3 / B.

La Casa del Demone

Lun - Mar - Dom dalle 19:30 alle 01:00. Merc - Gio- Ven dalle 19:30 alle 02:00. Sabato dalle 19:30 alle 03:00-

http://lacasadeldemone.com/

Giorno 2

Se il primo dei 3 giorni a Torino lo hai dedicato alla magia nera, la tua seconda giornata va dedicata alla magia bianca, ma non solo.

Piazza San Carlo

Denominata il “Salotto di Torino” Piazza San Carlo nasconde sotto le sue belle finestre volti di persone spaventate, che richiamano figure non terrene.

Sita tra Via Roma, Piazza Castello e Piazza Carlo Felice, è una delle piazze più importanti del centro storico di Torino ed è collegata benissimo con la rete di trasporti bus e tram; la piazza è davvero facilmente raggiungibile con comodità anche se si arriva in treno scendendo a Torino Porta Nuova.

Al centro della Piazza si ergono il Monumento a Emanuele Filiberto di Savoia e diversi edifici Storici: Palazzo Solaro del Borgo, Palazzo Guido Villa entrambi con un'elegante facciata e porticati del ‘700.

Sul lato nord della piazza, verso Piazza Castello, si affaccia la Galleria San Federico. Il lato sud della piazza invece è composto da due chiesette di Architettura barocca, Santa Cristina e San Carlo.

Attraversando l’ultimo tratto di Via Roma, da Piazza San Carlo si raggiunge Piazza Castello.

Piazza Castello e i Palazzi Reali

Questa piazza, oltre ad essere la principale, è considerata il "cuore bianco" della città, il centro nevralgico della magia Bianca, sito proprio tra Palazzo Reale, i suoi giardini e la fontana dei Tritoni.
Sai qual è il punto più magico? La cancellata del palazzo Reale, che si trova orientata verso il punto in cui sorge il sole e dalla quale parte una linea immaginaria che divide il bene dal male.

Piazza Castello è una piazza dalla forma squadrata che ospita bellissimi e importantissimi palazzi, alcune dei quali sono assolutamente da visitare:

Palazzo Reale, Palazzo Madama e Palazzo Chiablese, da non dimenticare inoltre la Chiesa di San Lorenzo.

Da Piazza Castello quindi puoi decidere di fare una visita guidata dentro i palazzi, fare un giro nei giardini reali oppure andare al Duomo di Torino, in Piazza San Giovanni.

Qualunque sia la tua scelta sarà una scelta che non ti deluderà; inoltre, trovandoti in pieno centro avrai moltissima scelta anche per la tua pausa pranzo.

Per passare il tuo secondo pomeriggio in Torino ti consigliamo di Visitare il Museo Egizio per poi passeggiare sotto i portici di via Po per raggiungere la famosissima Piazza Vittorio Veneto.

Forse non lo diresti, ma, in qualche modo, anche il museo Egizio fa parte della Torino magica: questo luogo è considerato un vasto campo energetico di flussi benigni e maligni.

Museo Egizio

Lun: 09:00 - 14. Mar - Dom: 09:00 - 18:30

https://www.museoegizio.it/

Piazza Vittorio e la Chiesa della Gran Madre di Dio

Se la prima sera hai cenato in una tipica trattoria piemontese al quadrilatero, la seconda devi dedicarla al mitico Apericena Torinese!

Dopo il museo Egizio, percorri via Po e dirigiti in Piazza Vittorio Veneto, (per i Torinesi, Piazza Vittorio) che è la piazza più estesa del capoluogo piemontese.

Prima di fermarti a “riempire la pancia” presta ancora un po’ di attenzione e goditi la Piazza.

Piazza Vittorio termina con il Ponte Vittorio Emanuele I, il quale collega la piazza con la Chiesa della Gran Madre di Dio, nonché il punto più importante della magia Bianca.

Le due statue all’entrata rappresentano Fede e Religione e mostrerebbero dove è stato sepolto il Sacro Graal.

Ora che ti sei caricato di energia positiva puoi scegliere uno dei tanti locali intorno a Piazza Vittorio per fare il tuo Apericena!

Giorno 3

La Mole Antonelliana

Simbolo indiscusso della Città, nonché l’opera più famosa dell’Architetto Antonelli, la Mole Antonelliana non può non essere vista.

Non tutti lo sanno, ma anche la Mole fa parte di uno dei simboli esoterici della Magia Bianca della Città.

Gli esperti, infatti, la riconoscono come una gigantesca antenna che irradia il cielo con l’energia positiva presa dal suolo.

La Mole si trova in Via Montebello 20, ed facilmente raggiungibile con:

bus 61, 55, 56, tram 13 e 15 (fermata ROSSINI, via Po);

bus 68 (fermata VERDI, via Rossini);

tram 16 (fermata PALAZZO NUOVO, corso San Maurizio).

Una volta ai piedi di questo gigante non ti resta che entrare e scoprire un altro mondo di cui Torino va fiera, il Museo del Cinema.

Nel 1961 venne inaugurato l’Ascensore panoramico che ti permette ancora oggi di salire fino al Tempietto, da dove potrai avere una vista straordinaria su tutta la città.

Ti consigliamo di acquistare i biglietti in anticipo sul sito ufficiale, sul quale potrai scegliere se fare l’ingresso al Museo del Cinema, salire sull’ascensore o accedere a entrambi.

Su prenotazione sono disponibili anche visite guidate sia in Italiano che in Inglese.

Mole Antonelliana

Lun - Dom: 09:20. Sabato aperto fino alle 23. Martedì chiuso

https://www.moleantonellianatorino.it/

3 giorni a Torino possono sembrare sufficienti per visitare tutto il capoluogo, ma in realtà, non è affatto così! Questa splendida città ha moltissimo da offrirti ancora: ma questo è il bello di viaggiare, non finirai mai di vedere e scoprire cose nuove.