Snowpark in treno 

1. Livigno

2. Bardonecchia

3. Alpe di Siusi

4. Madonna di Campiglio

5. Alba di Canazei

6. Pejo 3000

1. Livigno: tra i migliori d’Europa

La celebre località lombarda al confine con la Svizzera rappresenta da decenni una garanzia per il mondo dello sci. Non è un caso che proprio a Livigno si trovi il Mottolino Snowpark, considerato dagli esperti come la migliore struttura italiana, tra le prime tre in Europa. L’impianto è dotato di venticinque piste adatte a tutti i livelli di esperienza; nella sezione Amerikan sono disponibili due jump e ben dodici rail. Il costo dello snowpass oscilla tra i 30 e i 50 euro, in base al periodo.

Per raggiungere gli impianti di Livigno in treno da Milano devi prendere un treno regionale per Tirano (diretto, 2h e 30 circa) e da li un autobus da Tirano a Livigno con cambio a Bormio (circa 1 ora di viaggio).

2. Bardonecchia: un half pipe come alle Olimpiadi

Nell’Alta Val di Susa, a 1300 metri d’altezza, Bardonecchia è stata una delle prime località alpine a dotarsi di una stazione sciistica; gli sport invernali sono una tradizione quassù. Nell’area sono presenti il Bardonecchia Ski, lo Snowpark e il Villaggio Olimpico, eredità, questi ultimi, della competizione globale del 2006. Attrazione speciale e imperdibile, l’Olimpic Half Pipe, la rampa a mezzaluna in cui gli snowboarder più esperti compiono evoluzioni e salti. Il costo dello snowpass si aggira intorno ai 40 euro. Bardonecchia ricade sulla linea ferroviaria Parigi - Milano, e dista meno di 1 ora e mezzo dalla stazione di Torino Porta Nuova.

3. Alpe di Siusi: lo snowpark vincitore degli Skypass Awards 2016

Lo snowpark Alpe di Siusi situato nelle Dolomiti occidentali, a 1800 metri, è stato il dominatore incontrastato della manifestazione Skypass Awards 2016. La struttura ha vinto l’ambitissima categoria Best Park, per le sue numerose attrazioni e per la varietà nelle possibilità di utilizzo delle piste. Il costo per l’accesso quotidiano alle strutture è di circa 35 euro e il comprensorio è collegato da linee autobus con la vicina stazione di Bolzano a poco meno di venticinque chilometri.

4. Madonna di Campiglio: tradizione e spazio ai più giovani

Nella nostra classifica non poteva mancare una meta ambita come Madonna di Campiglio. Nella storica località turistica, in provincia di Trento, è presente l’Ursus Snowpark, area specializzata nel freestyle con oltre 50.000 metri quadri di piste e strutture disponibili. In questi spazi vengono organizzate competizioni per snowboarder di differente livello tecnico e, nella sezione minipark, un ricco calendario di eventi è dedicato alle famiglie e ai più giovani. A meno di 35 euro di media, il costo dello snowpass, è tra i più contenuti rispetto al settore. Si può raggiungere la località con un viaggio in autobus di un’ora dalla stazione di Trento; è inoltre disponibile il servio Treno ad alta velocità + bus “Freccialink” di Trenitalia in connessione con le Frecce da/per Roma, Firenze e Bologna,  per maggiori informazioni: Freccialink.

5. Alba di Canazei: uno snowpark nuovo di zecca

Nel corso della stagione invernale 2011 la frazione di Canazei ha assistito alla realizzazione dello Snowpark Ston8. La struttura è stata costruita ai piedi del Colac, celebre cima delle Dolomiti. Di particolare interesse la seggiovia che serve il parco è che offre un panorama mozzafiato ai suoi visitatori. Per acquistare uno skipass giornaliero sono necessarie tra i 40 e i 45 euro, in base al periodo.

Alba di Canazei è raggiungibile dalla stazione ferroviaria di Bolzano in autobus; quando gli impianti sciistici sono aperti è inoltre disponibile il servio Treno ad alta velocità + bus “Freccialink” di Trenitalia in connessione con i treni da e per Bologna, Firenze e Roma.

6. Pejo 3000, il primo resort plastic free

Pejo3000 é un piccolo resort in Trentino–Alto Adige che si sviluppa tra i 1400 e i 3000 metri all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio, nella Val di Sole. Oltre alla varietà delle sue piste, ha anche il merito di essere la prima realtà ad aver messo al bando i prodotti in plastica in Europa. La stagione invernale 2019/2020 è infatti partita con l’addio nei rifugi a stoviglie, bicchieri, cannucce e bottiglie di plastica, ma sono previste iniziative future che coinvolgeranno ulteriormente l’intera Val di Sole, già all’avanguardia per l’uso dell’energia idroelettrica.

È possibile raggiungere il resort partendo da Trento con il trenino elettrico Dolomiti Express, che effettua fermate intermedie nei paesi del fondovalle. Il costo per l’accesso quotidiano alle strutture è tra i 35 e i 40 euro.