Come arrivare al Roland Garros

In treno, ovviamenteIl campo si trova a Boulogne, ai margini della città di Parigi. Per arrivare in treno al Roland Garros, il modo più semplice è arrivare fino alla stazione di Parigi Montparnasse , situata a circa trenta minuti di metropolitana. Puoi raggiungere facilmente Parigi da Torino con un treno ad alta velocità TGV in meno di 6h senza cambi (partenza dalla stazione di Torino Porta Susa e arrivo a Parigi Gare de Lyon), da Milano in circa 7 ore, viaggiando sia con il TGV che con il treno notturno Thello (partenza dalla stazione di Milano Centrale), o da Venezia, sempre con il treno notturno Thello, senza effettuare cambi in meno circa 10 h e 30 minuti (partenza da Venezia Santa Lucia). Dalla stazione di Gare de Lyon puoi arrivare a Boulogne in circa 45 minuti con i mezzi pubblici, come metro o bus, oppure in taxi.

Altre opzioni di trasporto se disponi di un budget ridotto: l'autobus a lunga percorrenza. Aziende come  OUIBUS  o  Flixbus  possono portarti fino al campo del Roland Garros.

Perché andare al Roland Garros? 

Naturalmente se sei un fan del tennis, la domanda non si pone. D'altra parte ecco altre buone ragioni per partecipare: 

  • Evitare la “FOMO : il Roland Garros fa parte dei 4 tornei del Grande Slam della stagione di tennis (con Australian Open, Wimbledon e US Open). Si tratta di uno dei quattro tornei più importanti al mondo (e quindi il più contestato). Un evento sportivo a cui non mancare.
  • È un torneo speciale : il Roland Garros è un po' speciale perché è l'unico Grande Slam ad essere giocato sulla terra battut. Meglio ancora, è considerato il secondo torneo più prestigioso del circuito (dopo Wimbledon), grazie a una copertura mediatica globale. 
  • Vuoi vedere lo sport dal vivo: secondo molti tennisti, il Roland Garros è la competizione più difficile del mondo. La durata delle partite (aumentata dalla lentezza della superficie che frena le palle dopo il rimbalzo), ma, soprattutto, la predisposizione degli atleti sudamericani e sud-europei per la terra battuta, lo rendono un torneo avvincente. Non è un caso che 16 delle ultime 20 edizioni maschili siano state vinte da giocatori del sud (spagnoli, brasiliani e argentini).

A proposito, da dove viene il nome "Roland Garros"?

Per rispondere a questa, dobbiamo tornare al 1925, la data di nascita degli Open di Francia (l'ex nome di Roland Garros).

 Con la creazione di questo torneo, la Federazione francese di tennis intendeva sostituire il campionato francese, lanciato nel 1891. Le prime edizioni del concorso si tenevano sul terreno dello stadio francese, nel parco di Saint-Cloud. Ma dopo il trionfo dei "quattro moschettieri" (Borotra, Brugnon, Cochet, Lacoste) in occasione della Coppa Davis nel 1927 (l'equivalente della Coppa del Mondo nel calcio), le autorità francesi hanno deciso di costruire il Roland Garros, al fine di ospitare le nuove edizione torneo di squadra. 

Lo Stade Français ha accettato di adibire a stadio tre ettari di terreno vicino a Porte d'Auteuil a una condizione: che il nuovo stabilmento portasse il nome di uno dei suoi membri. Emile Lesieur, allora presidente dello stadio francese, decise di rendere omaggio al suo vecchio amico Roland Garros, licenziato dal club e morto 10 anni prima durante la prima guerra mondiale. Fu il primo aviatore a volare attraverso il Mar Mediterraneo in 7 ore e 53 minuti.

È quindi nel 1928 che il torneo Roland Garros inizia a portare questo nome. 

Dove trovare biglietti per Roland Garros?

Per permettersi il lusso di assistere a una partita, devi alzarti presto ... I biglietti vengono messi in vendita verso la fine di marzo, e si esauriscono più velocemente del rovescio di Rafael Nadal. 

Ma ci sono anche le buone notizie: puoi assistere a una partita secondaria, come una partita di doppio o la sfida tra le leggende del torneo (ex glorie del tennis), per soli 10 euro.

Ora sei imbattibile sul Roland Garros e sulla sua storia. Non resta che prenotare il tuo biglietto del treno e partire alla volta di Parigi