1. Ala  

Piccolo gioiello alle porte del Trentino, Ala, sin dall’epoca romana, ha rappresentato un crocevia commerciale che apriva il cammino verso il cuore dell’ Europa.

Noi ti consigliamo di fare sosta in questo luogo incantevole, per scoprire che, protetto dal  famoso castello medievale, si cela un lussuoso borgo rinascimentale. Qui il fruttuoso commercio della coltivazione del baco da seta a partire dal XVI sec ha impreziosito le vie cittadine con caratteristici palazzi nobiliari. Tra questi i più importanti sono il neoclassico Palazzo Malfatti in piazza San Giovanni e i  rinascimentali Palazzo Zanderighi e  Palazzo Taddei, in via di Villanova. Passeggiando tra le vie di Ala respirerai un’atmosfera inusuale, con le montagne del Trentino che fanno da cornice a palazzi in Stile Veneziano, a testimonianza del vivo rapporto commerciale che la Serenissima ha sempre intrattenuto con i mercanti tessili del luogo. I saloni interni dei palazzi nobiliari sono visitabili durante la manifestazione “Ala città di velluto” che si svolge tutti gli anni nel mese di luglio, dove figuranti in abiti d’epoca ti racconteranno la storia cittadina. Un’altra perla che ti consigliamo di vedere è il Museo del pianoforte antico, uno spazio espositivo privato dove su prenotazione vi verranno mostrati esemplari unici di strumenti del XVIII e del XIX sec.

Ala è facilmente raggiungibile in treno. Il viaggia da Bologna ad Ala dura solo 1h e 41 min con un treno diretto di Trenitalia. Per raggiungere Ala da Bolzano in treno impiegherai 1h e 04 minuti, mentre il da Verona Porta Nuova ad Ala ne dura solo 38! 

 

 

2. Rovereto 

Rovereto, nel cuore delle Vallagarina, è un luogo della memoria. Qui ogni sera, i cento rintocchi della Maria Dolens, tra le più grandi campane al mondo, ottenuta fondendo il bronzo da artiglieria, celebrano il ricordo dei caduti di tutte le guerre.

Per la tua gita a Rovereto, noi ti vogliamo consigliare un percorso alternativo, in cui la storia del secolo scorso viene celebrata tramite la sua arte.

Rovereto infatti è stata la città di Depero, la cui personalità poliedrica è celebrata nella sua casa-museo, la  Casa d’Arte Futurista Depero.  Situato nel cuore del centro storico, l’unico museo futurista in Italia, permette di ammirare la vastissima collezione donata dall’artista alla città. Visitandola non potrai non riconoscere  gli iconici manifesti pubblicitari che l’artista realizzò per molti brand italiani.

Ti consigliamo poi di proseguire il tuo percorso nell’arte contemporanea visitando il MART. Con la sua incredibile cupola realizzata in vetro e acciaio dall’architetto Mario Botta, il museo ospita una collezione di circa 20.000 opere che attraversano 150 anni di storia dell’arte, rappresentando una dei compendi della modernità più importanti d’Italia. Puoi raggiungere Rovereto da Treno in soli 12 minuti, viaggiare tra Rovereto e Roma Termini in meno di 4 ore senza cambi o addirittura proseguire a nord e raggiungere Monaco di Baviera in appena 4 h e 40 minuti con un treno diretto!

 

3. Trento

Trento, la celebre città del Concilio, si fregia di una storia millenaria, che, dalle origini romane di colonia sulle rive dell’Adige, è giunta viva fino ai nostri giorni. Questa fa del capoluogo del Trentino una meta turistica molto amata, in cui c’è molto da vedere e tante sono le possibilità di organizzare una vacanza tra storia e natura.

Una volta arrivato nella comodissima stazione di Trento, raggiungibile da Verona in 52 minuti, da Roma in 3h e 50 o addirittura da Monaco, in Germania, in 4 h e 30, è d’obbligo soffermarsi nel bellissimo centro cittadino, dove passeggiando scoprirai i celebri simboli del luogo:  la Cattedrale di San Vigilio, splendido esempio di stile romanico, e il Castello del Buonconsiglio, uno dei più importanti complessi monumentali del Trentino-Alto adige.
Ora però vogliamo deviare dai bellissimi e tradizionali percorsi turistici per farti scoprire dei luoghi inusuali, che spesso vengono sottovalutati da chi giunge in questa splendida città.

Il Doss Trento, dalla conformazione peculiare e inconfondibile, è il colle che sovrasta la città sulla riva dell’Adige. Qui si crearono antichi  insediamenti umani sin dall’epoca epoca preistorica. Interessato in epoca fascista da un ambizioso progetto monumentale e architettonico, solo in parte realizzato, ospita attualmente nella zona sommitale il suggestivo Mausoleo a Cesare Battisti.
Per godere di un panorama unico e  mozzafiato prendi la funivia Trento-Sardagna. Direttamente dal centro cittadino, in pochi minuti salirai verso questo splendido punto panoramico dove scoprire lo splendido borgo di Sardagna, caratterizzato dalle affascinanti pitture murali sulle case del paese.
A pochi chilometri da Trento, il Monte Bondone è invece la meta ideale per gli amanti del trekking:  qui in una natura incantevole potrai praticare sentieri escursionistici, prendere vie ferrate e percorsi con la mountain bike. Per la sua particolare struttura ad altipiano inoltre, è da sempre meta degli appassionati del deltaplano.

Sempre a pochi passi dal centro storico, troverai il Museo delle Scienze (MUSE), ospitato in un singolare complesso di edifici progettato da Renzo Piano. Qui, in uno spazio moderno ed interattivo creato per stuzzicare la curiosità dei visitatori, potrai partecipare a molte attività istruttive e divertenti, molte delle quali pensate per i più piccoli.

Prima di partire non scordarti di assaggiare i famosi prodotti tipici della città, lo speck e i deliziosi canederli!

 

4. Ferrovia storica della Val di Non

Direttamente dalla Stazione di Trento è possibile mettersi in viaggio lungo una delle ferrovie panoramiche più belle d’Italia. Costruita più di un secolo fa per collegare il capoluogo con la Val di Non e la Val di Sole, la  Trento–Malè attraversa il cuore del Trentino, affiancando il percorso del fiume Noce sull’incredibile fondale delle Dolomiti, tra vallate, frutteti e ponti panoramici. Lungo il percorso potrai fare sosta nelle numerose stazioni, che ti permetteranno di visitare i borghi storici di queste valli. Tra le tante possibilità che questo percorso può offrire noi te ne vogliamo consigliare tre.

Tassullo è piccolo e caratteristico paese all’inizio della Val di Non. Qui potrai fare una visita alla imponente diga di Santa Giustina, progettata dall’architetto Giò Ponti, e che con un’altezza di 150 metri offre un percorso unico, con la sue vedute vertiginose.
Cles, centro principale della Val di Non, è celebre per la coltivazione delle sue dolcissime mele. Avvicinandoti alla città lungo il percorso ferroviario, in primavera verrai circondato dallo spettacolo dei meleti in fiore. Arrivato in città potrai passeggiare per il grazioso centro storico, dove potrai assaggiare il tipico strudel locale accompagnato con del genuino succo di mele.
Malè, capolinea del tragitto, è la città principale della Val di Sole ed è il punto di partenza ideale per incamminarsi lungo uno dei numerosi percorsi di trekking che percorrono le montagne che adornano questa vallata. Celebre per la ricchezza dei suoi boschi, qui troverai numerose segherie storiche, tra le quali merita una visita l’antica segheria ad acqua Venezia, ideale per organizzare una gita con i vostri piccoli e scoprire con loro la lunga storia e i mestieri di questi luoghi.


Questo bellissimo percorso è visitabile partendo comodamente dalla stazione di Trento e qui cambiare qui prendendo la ferrovia Trento - Malè - Mezzana.

 

5. Laghi di Levico e Caldonazzo

Anche Facilmente raggiungibili in treno da Trento, troverai due splendidi laghi: Caldonazzo e Levico. Entrambi balneabili da maggio a settembre ( Bandiera blu per la qualità delle loro acque), questi laghi sono ideali per organizzare una giornata di relax e natura con tutta la famiglia. Per i più sportivi inoltre c’è la possibilità di fare trekking, con numerosi sentieri che partono dalla zona, e praticare sport acquatici come vela, nuoto, sci d'acqua  e canoa. Puoi raggiungere Caldonazzo in treno da Bassano del Grappa in 1h e 24 minuti, mentre puoi arrivare a Levico Terme da Venezia in 2h e 42 minuti.

6. Arte Sella

Arte Sella è un museo a cielo aperto dove la natura si trasforma in arte. Nella stupenda cornice della Val di Sella, lungo i boschi del Monte Armentera (Borgo Valsugana), dal 1986 questa installazione permanente di land art, con il suo respiro internazionale, non smette di attirare appassionati e curiosi. Concepita come un percorso naturalistico, di cui fruire in piena libertà di movimento, questa esposizione consta di numerose opere commissionate a grandi artisti il cui tema comune sono il rapporto tra uomo e natura, l’ecologia e la salvaguardia dell’ambiente. Tutte le installazioni sono realizzate con materiali naturali e passano da piccoli oggetti, mimetizzati e da scoprire come Easter eggs, a monumenti di grandi dimensioni. Tra i tanti artisti ospitati troverai Nils-Udo, Arne Quinze, John Grade e  Michelangelo Pistoletto e archistar come Atsushi Kitagawara, Kengo Kuma e Michele De Lucchi.
Il culmine del percorso vi porterà alla stupenda Cattedrale Vegetale, vera e propria opera d’arte vivente, che con la sua imponente struttura è divenuta icona del luogo.

Questo fantastico spazio fuori dal tempo è facilmente raggiungibile dalla cittadina di Borgo Valsugana.

 

7. Bolzano  e i suoi musei

Crocevia tra Italia e Germania, Bolzano è la città-simbolo di una terra di confine, dalla cultura eterogenea. In questa città, che ha vissuto la sua epoca di massimo splendore urbanistico sotto l’egida Austriaca, si respira ancora un’aria tipicamente mitteleuropea. Qui i turisti di ogni inclinazione potranno trovare pane per i loro denti: dalle meraviglie gotiche del Duomo, fino alle eleganti Piazza delle Erbe - con il caratteristico mercato - e Piazza Walter, cuore del centro storico, cui giungerai passando per i caratteristici portici del centro, ideali per gli amanti dello shopping.
Noi ti consigliamo una gita dedicata alla storia e all’arte segnalandoti i due principali musei della città. Nel Museo Archeologico potrai vedere da vicino Ötzi, la famosa mummia conservata dal ghiaccio, perfettamente conservata nonostante i suoi 5300 anni. Estremamente curato, il museo racconta la storia antica di questi luoghi con un occhio di riguardo anche per i più piccoli, che pot ranno partecipare a numerose attività ludico didattiche. Per gli appassionati d’arte è invece d’obbligo una tappa al Museion, museo d’arte moderna e contemporanea, che nella cornice di uno spazio architettonico all’avanguardia, espone ben oltre 4500 opere di artisti di fama internazionale. Puoi arrivare a Bolzano da Roma Termini in treno in 4h e 30 minuti, da Milano in meno di 3 h e puoi proseguire fino a visitare Innsbruck in 1h e 58 minuti e Monaco di Baviera in 5h e 51 minuti.

 

8. Merano

Perla dell'Alto Adige, Merano da sempre è famosa per i suoi centri termali. Tra le mete più in voga del turismo europeo durante la Belle Epoque, ancora oggi mantiene la sua fama di località termale all’avanguardia, dall’atmosfera piacevole e rilassata, impreziosita dall’elegante architettura dei suoi palazzi.

Giungendo in stazione, inizierai la tua visita con una passeggiata attraverso il centro storico medievale. Tra i suoi antichi portici gli amanti dello shopping avranno l’occasione di spaziare dalle botteghe di prodotti tipici e di artigianato, fino al design internazionale e l’alta moda. Nel cuore del centro storico troverai la chiesa di San Nicola, che risale al 1266 ed è considerata uno dei monumenti culturali più importanti di Merano: il suo bellissimo campanile svetta con i suoi 83 metri di altezza ed è dotato di ben 7 orologi. Alle spalle della chiesa di San Nicola troverai il quartiere Steinach, il più antico della città, in cui respirerai un’atmosfera antica, lontana dall’affollamento dello shopping cittadino, ideale per chi è alla ricerca di tranquillità e di ispirazione.

Avvicinandoti ai centri termali, incontrerai il placido fiume di Merano, il Passirio, lungo il quale spicca la Kurhaus. Questa bellissima casa di cura in stile liberty era meta privilegiata dell’alta borghesia mitteleuropea, che giungeva qui in cerca di relax e benessere. Attraversando il ponte antistante alla Kurhaus giungerai infine alle Terme di Merano. Qui potrai rilassarti nelle sue  25 piscine interne ed esterne aperte tutto l’anno, zone sauna e un ampio parco all'aperto incorniciato da incantevoli montagne. Dopo una giornata qui, scommettiamo che sarà davvero difficile trovare la voglia di fare i bagagli per ripartire! Il viaggio da Milano a Merano dura complessivamente 3h e 59 minuti, da Verona 2h e 26 minuti, da Venezia 3h e 42 minuti e da Trento 1h e 23 minuti. 

 

9. Chiusa

Chiusa, a pochi chilometri da Bressanone, è considerato uno dei borghi più belli d’Italia.

Qui il grande maestro Albrecht Durer soggiornò durante il suo viaggio in Italia, lasciando come testimonianza della sua presenza il celebre ritratto “Das große Glück”, con Chiusa rappresentata nello sfondo.

Celebre per il suo suggestivo Monastero Benedettino di Sabiona, quest’ultimo rappresenta sicuramente uno dei maggiori punti d’interesse del luogo, sia dal punto di vista paesaggistico, sia da quello storico. Il monastero è raggiungibile con una passeggiata di circa mezz’ora che ti permetterà di ammirare in lontananza la sua mole, che dallo sperone sovrastante il borgo.

Visitando il nucleo antico di Chiusa, ti muoverai dapprima nella Città Alta, caratterizzata dalle abitazioni sviluppate principalmente in altezza e il cui lungofiume è costellato da piccoli giardini e balconi fioriti. Qui ammirerai il tardomedievale Municipio, il complesso del vecchio Albergo Leone d’Oro (oggi Scuola Elementare) e la casa della Dogana Vescovile, sulla cui bella facciata figurano dieci dipinti araldici dei vescovi di Bressanone. Superato il torrente Tinne giungerai nella Città bassa, nel cui grande parco pubblico si trova l’ex convento dei Cappuccini, ora sede del Museo Civico e della Biblioteca Civica. Ammirerai infine Castel Branzoll sulla sponda ovest del fiume, lungo il sentiero che conduce a Sabiona. Chiusa è la porta italiana verso l’Austria: puoi, infatti, raggiungere Innsbruck da Chiusa in 1 h e 35 minuti , Vienna in poco più di 6 ore  e spingerti fino a Monaco di Baviera, in Germania, in meno di 4 ore.

 

10. Miniere di Ridanna Monteneve

Le miniere d’argento piombo e zinco di Monteneve, a pochi chilometri da Vipiteno, rappresentano un’occasione unica di visitare un vero antichissimo sito minerario. Ideali anche per una gita con i vostri bambini, nei suggestivi spazi di queste cave potrai  scoprire i segreti dell’attività di estrazione dei metalli, tra scoperte scientifiche e tecniche che attraversano 800 anni di storia. In questi luoghi incredibili, siamo sicuri che rimarrai profondamente colpito dalla testimonianza delle difficoltà e delle sfide quotidiane che i minatori hanno dovuto affrontare nel corso dei secoli.

Il tour prevede due percorsi alternativi, da uno classico, adatto a tutti, ad uno più avventuroso, che permette di inoltrarsi per vari chilometri dentro la montagna di Monteneve.

Come ti abbiamo anticipato, questa meta è adatta anche ai più piccoli,  che potranno vivere un’esperienza avventurosa partecipando anche alle numerose attività interattive pensate per loro.

Monteneve è facilmente raggiungibile dalla stazione di Vipiteno: da qui puoi proseguire con un autobus della linea 312 per Ridanna.

 

Speriamo che questi itinerari in Trentino Alto Adige siano stati di tuo gradimento, potrai godere di tutte queste possibilità (e non solo!) viaggiando comodamente in treno senza stress e a prezzi contenuti. Continua a seguirci per scoprire nuove fantastiche mete