Ti guideremo alla scoperta di 10 meraviglie dell’Umbria, tutte comodamente raggiungibili in treno!

1. Perugia

Per prima cosa ti portiamo nel capoluogo, Perugia. Adagiata in un paesaggio dal profilo dolce e verdeggiante questa città conserva le tracce di una tradizione storica ricchissima: dalle sue origini Etrusche, passando per la dominazione Romana fino ai fasti dell’epoca rinascimentale. Principali testimonianze della Perusna Etrusca sono l’imponente Arco Etrusco, monumentale portale costruito con blocchi megalitici, e il  Pozzo Etrusco, una grande cisterna idrica rivestita in travertino e profonda 36 metri.

Come testimoniato dagli elementi eterogenei dell’Arco i romani fecero proprie la strutture etrusche, ma è possibile ancora ammirare testimonianze genuine dell’epoca nelle suggestive scale dell’acquedotto romano, dove avrai una vista unica sulla parte della città che un tempo fu l’acropoli etrusca, e nelle colonne del Tempio di Sant'Angelo, la più antica chiesa paleocristiana di Perugia (V sec d.c.), costruita sopra un tempio pagano. Su prenotazione potrai anche visitare i bellissimi sotterranei romani della Cattedrale di San Lorenzo.

Celebre testimonianza del rinascimento perugino sono invece i sotterranei della Rocca Paolina che costituiscono anche un accesso unico e indimenticabile al centro cittadino. Con l’ausilio di scale mobili potrai infatti attraversare una città ipogea, con stretti vicoli e archi di pietra che si innestano nell’antico borgo medievale inglobato originariamente nella struttura della Rocca. Salendo arriverai in pieno centro, sulla splendida via Vannucci. Da qui, nella piazza centrale, troverai i celebri simboli della città: la Fontana Maggiore, la già citata Cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Priori.

Non perdere poi l’occasione di fare una visita alla Galleria Nazionale dell’Umbria dove ammirare opere famose di artisti come il Perugino e Piero della Francesca. Raggiungere Perugia in treno è molto semplice: se parti da Milano, puoi viaggiare sfruttando l’alta velocità dei Frecciarossa ed essere in città in sole 3 ore e 30 minuti. Se parti da Roma o da Firenze il viaggio dura ancora meno: la tratta Roma - Perugia può essere percorsa in 2h e 05 minuti, mentre il treno Firenze - Perugia impiega solo 1 h e 30 per portarti a destinazione!

 

2. Assisi

Assisi, la città di San Francesco, è uno spettacolo cui assistere almeno una volta nella vita. Adagiato sulle pendici del monte Subasio, questo borgo (patrimonio dell’Unesco) è rimasto fedele alle sue origini medievali. I suoi edifici sono caratterizzati dal rivestimento in pietra bianca e rosa, che soprattutto al tramonto dona ai vicoli un’atmosfera unica, in cui perdersi per respirare la storia di questi luoghi. Il suo antico retaggio e la profonda religiosità che anima Assisi, ha arricchito nei secoli il tessuto urbano di numerosi monumenti. Tra questi vogliamo consigliarti di visitare la Basilica di San Francesco, il cuore della spiritualità Francescana.

Qui potrai ammirare il celebre ciclo di affreschi del Giotto, che ti lascerà senza fiato raccontandoti la storia del Santo Poverello. Potrai poi visitare il Sacro Convento fino ad arrivare nella cripta, dove troverai la tomba di San Francesco, in un silenzio austero ma profondamente commovente.

La Rocca Maggiore invece sovrasta la città e si apre ai visitatori nei pressi del bastione cinquecentesco perfettamente conservato. Qui potrai passeggiare nel complesso di edifici in pietra rosa che costituiscono la fortificazione, con l’imponente Mastio medievale che si collega alla Rocca Minore tramite le splendide mura trecentesche . Poco fuori dalla città ti consigliamo di visitare l’Eremo delle Carceri, un antico romitorio immerso nella solitudine dei boschi, sulle pendici del Subasio. In questo luogo isolato, il cui nome deriva dai tuguri carcerari, Francesco e i suoi confratelli si ritirarono per condurre una vita semplice e contemplativa.

Assisi è raggiungibile facilmente in treno da Roma Termini in meno di 2 ore, da Milano Centrale in poco più di 4 ore, con un cambio a Bologna, o da Perugia stessa in appena 19 minuti.

 

3. Fonti del Clitunno

“..e tu fra l’ombre, tu fatali canta carmi, o Clitumno” recita la poesia di Carducci dedicata alle Fonti del Clitunno. Da lungo tempo, la fama di questi luoghi è dovuta a l'amenità del paesaggio e alla limpidezza delle acque che vi scorrono. I romani rimasero così colpiti da questo posto da considerarlo un luogo di culto, attribuendogli proprietà miracolose.

Il parco che racchiude le fonti, ideale per una gita in pieno relax, è di straordinaria bellezza: qui le acque sorgive sotterranee alimentano un lago placido, di qualità pittorica. I numerosi sentieri che si snodano tra rigagnoli e cascatelle, ti permetteranno di passeggiare apprezzando la ricca fauna e la flora locale, tra cui si distinguono i caratteristici salici che abbracciano in modo suggestivo le sponde del lago.

Non molto distante dal parco merita una visita il Tempietto del Clitunno, una piccola chiesa a forma di tempio corinzio, costruita su un luogo di culto pagano (IV-V sec). All’interno potrai ammirare i più antichi affreschi paleocristiani umbri. La stazione di Campello di Clitunno è servita dai treni regionali di Trenitalia, che la collegano ad Assisi in 30 minuti circa, a Terni in mezz’ora e anche a Roma in 1h e 30 minuti senza cambi.  

 

4. Città di Castello

Città di Castello, con il suo caratteristico profilo di torri e campanili che narra ai suoi visitatori dell’ antica rivalità tra Guelfi e Ghibellini, è una meta ideale per chi ama l’arte e la storia. Dalla bellissima Piazza Matteotti con i suoi palazzi storici, passando per la Torre del Vescovo, fino all’enorme collezione della Pinacoteca Comunale, situata nel cinquecentesco Palazzo Vitelli alla Cannoniera, Città di Castello offre numerose possibilità di scoprire i fasti del medioevo e del Rinascimento umbro.

Noi vogliamo proporti un percorso alternativo, all’insegna dell’arte contemporanea. Città di Castello conserva infatti la più grande collezione al mondo dedicata ad Alberto Burri, originario proprio di questi luoghi. La collezione si divide tra il Palazzo Albizzini, sede della Fondazione dedicata al maestro e il singolare e impressionante spazio degli Ex Seccatoi del Tabacco. Notevole esempio di riqualificazione industriale, questo incredibile spazio espositivo accoglie opere di grandi dimensioni, cicli pittorici e sculture monumentali, collocate anche nell’ampia area esterna.

Città di Castello e i suoi luoghi d’arte sono facilmente visitabili a piedi partendo dalla omonima stazione dei treni di Città di Castello.

 

5. Spoleto

Spoleto, che fu l’antica capitale dei duchi longobardi, è da sempre meta privilegiata del turismo in Umbria. Le numerose bellezze naturali e storiche che si concentrano in questo luogo unico ha sempre attirato intellettuali e artisti, che come Goethe e Turner, le hanno poi reso omaggio nelle loro opere.

Ti consigliamo di cominciare il tuo itinerario dalla maestosa Rocca Albornoziana. Simbolo del potere papale, la rocca è un imponente complesso di mura e torri da cui è possibile godere di una vista unica sulla città.

Partendo dalla Rocca in direzione Monteluco potrai percorrere il celebre Ponte delle Torri. Questo impressionante monumento, completato nel XIII sec a partire dai resti di un acquedotto romano, è lungo ben 230 metri e rimane sospeso sulla splendida vallata sottostante ad un’altezza di 82 metri. All'estremo orientale del ponte, giungendo al Fortilizio dei Mulini, potrai percorrere il sentiero noto come il Giro dei condotti, che conduce ad antichi eremi e attraversa il Monteluco, offrendo panorami mozzafiato.

Nel percorso che ti riporterà verso il cuore del centro storico ti consigliamo di visitare la chiesa di Sant’Ansano e la Cripta di Sant’Isacco, con i vicini Arco di Druso e Germanico e i resti del Tempio Romano, un complesso di edifici che riassume in modo eclettico tutta la ricca storia di questi luoghi.

Giunto finalmente nel cuore di Spoleto, Piazza del Duomo, ti consigliamo di visitare la Cattedrale di Santa Maria Assunta, mirabile esempio di architettura romanica, e che ospita affreschi del Pinturicchio e di Filippo Lippi.

Dopo questa intensa e affascinante passeggiata storica, ti consigliamo di assaggiare nei tipici locali cittadini i prodotti della famosa norcineria umbra.

Spoleto è facilmente raggiungibile in treno: il viaggio Milano Centrale - Spoleto dura poco più di 4 ore, con un cambio a Roma Termini o Roma Tiburtina; il viaggio da Foligno a Spoleto in treno dura meno di un’ora, mentre quello da Roma a Spoleto appena 1 h e 13 minuti.

 

6. Lago Trasimeno

Nel cuore dell’Umbria giace placidamente l’incantevole Lago Trasimeno. Tra i più estesi d’Italia, questo paradiso naturale offre numerosi percorsi per passeggiare nella natura, visitare antichi borghi e assaggiare la rinomata gastronomia locale.

Tra i più suggestivi borghi lacustri spicca Castiglione del Lago, che sorge su un promontorio di roccia calcarea. Qui potrai ammirare i resti di numerose tombe etrusche e, risalendo verso il centro cittadino, troverai  il castello e le mura medievali del Palazzo Ducale con la loro vista mozzafiato sul lago. Ti consigliamo poi di soffermarti nella incantevole Tuoro sul Trasimeno. Antica città etrusca, è nota perché sul suo territorio si svolsero le fasi decisive della battaglia tra Annibale e Caio Flaminio.

Da Tuoro è possibile raggiungere l’Isola Maggiore in cui è conservato ancora intatto il quattrocentesco villaggio dei pescatori.

Il Trasimeno è anche il luogo ideale per gli amanti dell’enogastronomia. Tra i prodotti tipici da segnalare: l’olio di oliva e i vini Doc. Da non perdere infine è la tipica fagiolina del Trasimeno, riconosciuta come Presidio Slow Food. Per visitare il Lago Trasimeno in treno, ti consigliamo di scendere alla fermata di Passignano sul Trasimeno e proseguire a piedi o con i mezzi pubblici locali. Puoi arrivare da Firenze Santa Maria Novella a Passignano in 1h e 30 minuti con un treno diretto di Trenitalia o viaggiare da Perugia a Passignano in soli 25 minuti.

 

7. Spello - Trevi

Sono tanti gli splendidi borghi che impreziosiscono il territorio umbro e le sue verdi colline. Tra questi vogliamo consigliarti di visitare Spello e Trevi. Luoghi del cuore, qui storia e natura si abbracciano sul fondale di un panorama unico.

Spello, tra le più belle città murate d’Italia, si adagia in una vallata alle pendici del Monte Subasio. Un autentico museo a cielo aperto dove si respira l’aria del passato, a Spello si trovano tracce di epoca romana, medioevale e rinascimentale. I romani, che  la definirono la “Splendidissima Colonia Iulia”, dotarono questo centro urbano di strutture che sono giunte fino ai nostri giorni, come le terme, il teatro e parte della cinta muraria dove la Porta Consolare era il principale ingresso alla città. Ricordati di visitare la collegiata di Santa Maria Maggiore, con i suoi incantevoli dettagli barocchi, dove potrai  ammirare gli straordinari affreschi cinquecenteschi del Pinturicchio. Poco fuori dalle mura cittadine la Villa dei mosaici, ti permetterà di vedere alcune delle testimonianze dell’arte antica più inusuali nel territorio umbro.

Trevi è un borgo incantevole che, arroccato su di un poggio, assume una inusuale struttura a chiocciola. Passeggiando tra gli antichi vicoli lastricati, con le loro abitazioni in coppi e mattoncini, verrai rapito dai balconi fioriti, dai profili dei palazzi nobiliari e  dalla bellezza dell’architettura sacra. E di quest’ultima gli esempi più notevoli sono senz’altro il Duomo romanico di Sant’Emiliano e la trecentesca chiesa gotica edificata in onore di San Francesco d’Assisi. Protagonista delle colline di Trevi è invece l’olivo e l’olio che se ne ricava è il tesoro di questi luoghi. Ti consigliamo di fare un giro tra i frantoi della zona per assaporare i prodotti locali e portare a casa, in una bottiglia, tutti i profumi di questa terra. Entrambi i borghi sono serviti dalle omonime stazioni ferroviarie: puoi raggiungere Spello da Assisi in appena 7 minuti o Trevi da Roma Termini in 1h e 47 minuti.

 

8. Narni Sotterranea

S. Lewis fu talmente rapito da questo luogo, che dedico a Narni il suo libro più famoso, “Le cronache di Narnia”.

E infatti, seppur di piccole dimensioni, Narni offre tantissimo ai suoi visitatori, con le sue piazze e botteghe, gli inattesi scorci panoramici e i particolari suggestivi. Noi ti consigliamo di immergerti nel suo fascino antico scoprendo il suo lato più nascosto, con una visita alla Narni sotterranea. Il percorso guidato inizia con l’ingresso in una chiesa del XII secolo, scoperta solo nel 1979. Attraversando un varco nella muratura arriverai in un locale con una grande cisterna romana.

La magia fa da padrone in questi luoghi misteriosi. Guardandoti intorno, troverai numerosi graffiti dal significato oscuro in bilico tra sacro e profano. Per gli amanti della speleologia, il tour sotterraneo continua poi con una visita all'Acquedotto della Formina. Si tratta di un acquedotto romano, costruito probabilmente nel 27 d.C. sotto l'impero di Tiberio. L'acquedotto è lungo circa 13 km e si snoda lungo le pendici delle colline narnesi. La parte visitabile è lunga 700 metri, dove avrai l’occasione di ammirare fantastiche concrezioni minerali ed un pozzo profondo 18 metri. Per visitare Narni in treno, scendi alla fermata di Narni-Amelia: il viaggio da Roma a Narni dura solo 50 minuti, mentre se preferisci partire da Spoleto arriverai in città in soli 30 minuti!

 

9. Orvieto

Orvieto, splendidamente arroccata su di una rupe, deve le sue origini e la sua fama agli etruschi: i primi insediamenti si ebbero all'interno delle grotte di tufo ricavate nel massiccio su cui sorge.

Ti consigliamo di iniziare la tua visita dallo splendido Duomo di Orvieto, esemplificazione perfetta dell’architettura romanico-gotica. La sua celebre facciata con gli eccezionali bassorilievi, i mosaici e il grande rosone di Andrea Orcagna ti lascerà senza fiato. L'interno del Duomo è ornato con importanti opere, tra le quali spiccano i celebri affreschi di Luca Signorelli raffiguranti Paradiso ed Inferno. Nella cappella della Reliquia si trova il Corporale, il panno liturgico che nel 1263 si macchiò di sangue allorché un prete boemo, celebrando la Messa senza fede, spezzò l'ostia consacrata, da cui fuoriuscì del sangue.

A pochi passi dal Duomo si trova l’accesso all’articolato sistema di cunicoli e cavità che costituiscono la Orvieto Sotterranea. Interamente scavata nella pietra dagli abitanti nel corso dei secoli, questa vera e propria città ipogea con i suoi sistemi di  pozzi e grotte ma anche di laboratori artigiani e frantoi, ha garantito la sopravvivenza della città nel corso dei secoli.

Altra incredibile struttura cittadina è il pozzo di San Patrizio, straordinaria opera di ingegneria civile del Cinquecento, profonda 62 metri e larga 13. Attorno al suo lungo decorso, due scale a chiocciola elicoidali corrono fino in profondità senza mai incontrarsi; la luce che filtra da ben 72 finestre crea un'atmosfera unica e surreale.

Puoi anche raggiungere Orvieto in treno da Milano in meno di 4 ore con un treno diretto!

10. Ferrovia Spoleto-Norcia

L’antica ferrovia Spoleto - Norcia, per l’epoca in cui fu costruita (circa gli inizi del secolo scorso) rappresentò uno sforzo  ingegneristico ambizioso e irripetibile. A tutti gli effetti un percorso ferroviario alpino costruito nel cuore dell’Umbria, la linea nel suo breve decorso di circa 50 km attraversa 19 gallerie, valichi montani e viadotti dalle pendenze vertiginose. Dismessa nel 1968, questo incredibile reperto di archeologia industriale è oggi convertita in un entusiasmante percorso che si può fare a piedi, in bicicletta o anche a cavallo. Se sei un appassionato di trekking, cicloturismo o ami visitare inusuali opere di ingegneria questa è la tua meta ideale.

L’itinerario è accessibile a tutti e ti permetterà di percorrere in piena sicurezza splendidi viadotti panoramici, sentieri montani e ben 5 chilometri di gallerie, di cui 2 elicoidali, che faranno la gioia dei mountain bikers.

Lungo il percorso potrai fare tappa in deliziosi borghi medievali come: Sant’Anatolia di Narco e Castel San Felice dove sorge l’Abbazia dei Santi Felice e Mauro, in stile romanico. Ai più avventurosi  consigliamo di esplorare anche la galleria stradale abbandonata, che con la sua raggelante imponenza vi trasporterà in una dimensione inusuale e piacevolmente sinistra. Se vuoi partire senza lo stress di metterti al volante, puoi tranquillamente arrivare in treno fino a Spoleto, fare il percorso fino alla fine e riprendere il treno a Spoleto!

Speriamo che queste mete in Umbria siano stati di tuo gradimento, potrai godere di tutte queste possibilità (e non solo!) viaggiando comodamente in treno senza stress e a prezzi contenuti. Continua a seguirci per scoprire nuove fantastiche mete!