1. Dormi in un faro

Volete concedervi una seconda luna di mierle? Il Faro di Capospartivento – solo dodici posti letto in sei camere extra lusso – regala ai suoi fortunati ospiti un’esperienza da mille e una notte! Un soggiorno romantico nell’estremo sud della Sardegna (precisamente a Chia, 40 minuti da Cagliari), nei locali di un antico faro dal design raffinato e con una cucina di prima classe, capace di assecondare anche I palati più esigenti. Ideale per chi cerca una vacanza esclusiva: coccolati, al contatto con la natura e in assoluta privacy.

2. Plana sul Lago di Garda

Hai già provato l’ebrezza di lanciarti col paracadute?,Lo step successivo è quello di spiccare il volo... prendendo la rincorsa! Parliamo del parapendio: in Italia esistono tanti centri specializzati cui rivolgersi per imparare l’arte del ‘volo libero’, e alcuni giorni di vacanza potrebbero essere il pretesto giusto per provare l’ebrezza di osservare il nostro territorio da una prospettiva quantomeno inusuale. Tutte le opzioni – Alpi, Dolomiti, Etna, Appennini – sarebbero da provare almeno una volta; potreste cominciare, però, da Toscolano (Brescia), dove si decolla per poi atterrare direttamente sul Lago di Garda

3. Nella vecchia fattoria, ecologia e meditazione in Umbria

A Monestevole – borgo del XV secolo a pochi minuti da Gubbio – vive ‘Tribewanted’, una piccola comunità rurale che ha fatto del viaggio eco-sostenibile una delle sue principali fonti di sostentamento. In tutti i mesi dell’anno puoi alloggiare in una delle stanze, tanto rustiche quanto accoglienti, messe a disposizione dai membri della comunità e goderti un soggiorno immerso nella pace e nella natura dei colli umbri tra querce secolari, uliveti, vigne e pascoli. Meta perfetta per chi desidera dedicarsi alla cura dell’orto e degli animali, alla cucina bio e a sessioni di yoga all’alba.

4. Prova a mangiare i vermi in Sardegna

Vuio provare dei cibi alternativi? Non haiu bisogno di addentrarsi nei mercati d’Oriente: per mangiare vermi basta andare in Sardegna, terra del Casu Marzu. Detto anche il ‘formaggio più pericoloso al mondo’ – anche se nessuno si è mai sentito male dopo averlo assaggiato –, è un latticino dal gusto forte, leggermente piccante e dalla consistenza cremosa, determinata dalle larve di mosca casearia che vivono all’interno. Armati di coraggio e concediti questa esperienza culinaria dal sapore speciale in una locanda nel cuore di Oliena, paese a pochi minuti da Nuoro, splendido capoluogo barbaricino ricco di cultura.  

5. Visita la Capitale Europea della Cultura 2019

Se i celebri ‘Sassi’ sono già di per sé un ottimo motivo per visitare Matera, la nomina a ‘Capitale Europea della Cultura 2019’ è la ragione definitiva per dedicare un fine settimana di vacanza al pittoresco centro lucano, capace di lasciare tutti i suoi visitatori a bocca aperta. Gli appassionati di storia e architettura, dunque, oltre ad ammirare da vicino gli antichi rioni scavati nella roccia calcarea, potranno vivere il lato più contemporaneo della città, partecipando a mostre ed eventi, o prendendo parte a uno dei tanti workshop di design dal tema ‘La via del sole’. 

6. Viaggio eco-solidale in Calabria

Quando il consumo responsabile diventa uno stile di vita, non è facile andare in vacanza ed essere in pace con la propria coscienza; per questo il turismo solidale è in crescita e in tutta Italia sono tante le occasioni per mettersi a servizio degli altri, anche in viaggio. L’iniziativa ‘Sos Rosarno’ prevede un soggiorno settimanale nelle campagne calabresi, aiutando i contadini del luogo a lavorare nei campi; un’esperienza radicale che permetterà ai viaggiatori di prendere confidenza con gli attrezzi del mestiere e respirare un forte senso di condivisione e indipendenza. 

7. Al museo fra le nuvole

Nel cuore delle Dolomiti, a 2200 metri di altezza, un fortino risalente alla Grande Guerra è stato trasformato in uno spazio espositivo dedicato all’arte dell’alpinismo e dell’esplorazione. Il museo Messner Mountain – detto anche Museo delle Nuvole – si trova in cima al monte Rite, nel territorio di Cibiana di Cadore; oltre a condurre i suoi visitatori in un viaggio nella storia dei Monti Pallidi e dei pionieri che li hanno scalati, con le sue vetrate diventa un punto d’osservazione a 360 gradi su tutto il paesaggio circostante, che comprende la valle del Boite, dove sorge Cortina d’Ampezzo.

8. Trekking senza frontiere

Fra il Lazio e l’Abruzzo opera ‘Il Cammino Possibile’, associazione che promuove l’abitudine del camminare con una particolare attenzione verso i disabili. Quest’istituzione dispone, infatti, di alcune carrozzelle speciali – modello ‘joelette' – che permettono alle persone affette da difficoltà motorie di godere della bellezza della montagna, garantendo loro, peraltro, l’ausilio di accompagnatori con anni d’esperienza nel mondo dell’escursionismo. Ogni stagione è buona per un fine settimana di escursioni nelle campagne e nei boschi del centro Italia. 

9. Il primo parco geominerario protetto dall’Unesco

L’imbarco di Porto Flavia si trova in Sardegna, nel Sulcis-Iglesiente; appartiene alle miniere di Masua. È un deposito scavato nella roccia e capace di contenere oltre 10.000 tonnellate di minerali che, grazie al suo scenografico accesso a strapiombo sul mare, venivano caricati direttamente sulle navi. La stagione più adatta per visitare il parco geominerario è la primavera: la discesa guidata nelle tenebre è adatta anche ai bambini e vale lo spettacolo della vista panoramica dallo splendido ‘balcone’ che si affaccia sulle acque della costa ovest, a cospetto del maestoso Pan di Zucchero.  

10. Nelle cantine del vino migliore d’Italia

In Italia puoi degustare un ottimo calice di vino in tutti I ristoranti stellati del paese; ha tutto un altro sapore, però, andare a provarlo nelle terre in cui è stato prodotto, accompagnati nella degustazione da chi ne ha seguito la nascita, dalla vigna alla bottiglia. Una vacanza nelle colline del Montalcino (Siena), con annessa visita alla cantina Casanova di Neri, è d’obbligo per chiunque coltivi una forte passione per i rossi italiani. Il Brunello in questione è il Cerretalto 2010, che nel 2016 ha totalizzato un punteggio di 100/100 dai critici internazionali più rispettati.

11. Mens sana in corpore sano, anche in vacanza

Tanti italiani si sono avvicinati alle discipline orientali che fanno dell’armonia tra mente e corpo un elemento imprescindibile per la ricerca della serenità. Una delle pratiche più diffuse è lo yoga; pare dia così tanta dipendenza che, per alcuni, è difficile rinunciarvi perfino quando si è in vacanza. In tutta Italia esistono centri che offrono soggiorni settimanali agli interessati. Uno dei più particolari è immerso nella natura, a pochi minuti da Macerata, nella riserva dell’Abbadia di Fiastra

12. Ritiri spirituali sugli Appennini

Un ritiro spirituale è la vacanza ideale per chi desidera trascorrere del tempo in silenzio, a meditare. Luogo incantevole in cui rifugiarsi è il santuario della Verna, sull’Appennino Toscano (a pochi minuti di bus da Arezzo), dove san Francesco d’Assisi si ritirò nel XIII secolo. Qui sarai accolto dai padri francescani e potrai dedicarti a una serie di esercizi spirituali, stando all’interno del complesso religioso o camminando fra i faggi e gli abeti del parco nazionale delle Foreste Casentinesi. Le attività sono aperte anche agli ospiti laici.

13. Volontariato sostenibile con la famiglia

Oltre a un’occasione per riposarsi e concedersi qualche strappo alla regola, la vacanza è un momento per rafforzare l’affiatamento familiare e, magari, imparare a vivere meglio. I campi di Legambiente sembrano conciliare a pieno questi ultimi due obiettivi; propongono, infatti, un programma incentrato sulla condivisione e il concetto di comunità, coinvolgendo i partecipanti in azioni di volontariato legate al rispetto dell’ambiente. Quale migliore occasione per sviluppare nuove abitudini ecosostenibili e riscoprire il piacere di vivere insieme? Scegli la tua destinazione preferita: dal Parco della Majella (L’Aquila) ai Campi Flegrei (Pozzuoli). 

14. Gaeta, la capitale della street art italiana

I grandi artisti non si trovano più solo nei musei; con la street art le opere d’arte possono essere realizzate anche nel cuore delle città. I murales animano i quartieri più alternativi delle metropoli internazionali, ma non solo: il piccolo centro urbano di Gaeta, nel Lazio, è diventato un laboratorio artistico a cielo aperto, dopo aver prestato le sue facciate grigie all’estro di nomi del calibro di Escif, Agostino Iacurci, Alice Pasquini e Borondo. Motore di questa trasformazione è il festival ‘Memorie Urbane’, alla sua quinta edizione. Un salto da queste parti è un must per chi si nutre d’arte. Prepara le macchine fotografiche.

15. La ‘Summer of Love’ rivive in Sardegna

Sei uno spirito libero che vorrebbe trasferirsi a vivere su un’isola deserta lontano da tutto e da tutti? Nell’estremo nord della Sardegna c’è una caletta in cui respirare l’aria della Summer of Love di fine anni ’60. Non bisogna tornare indietro nel tempo e passeggiare per il quartiere di Haight & Hashbury, a San Francisco, per rivivere i fasti del movimento hippy; basta raggiungere la penisola di Capo Testa – a pochi chilometri da Santa Teresa di Gallura – e unirsi alla comunità hippie che, dagli anni ’60, popola la Valle della Luna. Da maggio a settembre, ti aspetta un viaggio mistico: lascia a casa i vestiti, apri la mente e preparati a celebrare la luna piena con cerimoniali piuttosto bizzarri.

16. In cammino da Bologna a Firenze sulla Via degli dei

Scommettiamo che non avevi mai pensato di poter arrivare da Bologna a Firenze a piedi! La Via degli Dei, percorso che prende il nome dai monti dell’Appennino tosco-emiliano – Monte Adone, Monzuno, Monte Venere, Monte Luario – è un sentiero risale all’epoca degli Etruschi, ma presenta anche tracce di dominazione romana, capace di regalare agli escursionisti un’esperienza speciale che, all’intensità spirituale del cammino, unisce la bellezza del paesaggio storico e naturalistico. I tempi di percorrenza variano dai tre ai sei giorni.

17. Italia vista da una mongolfiera

Se proprio non ce la fai a stare con i piedi per terra, un viaggio in mongolfiera è un’idea romantica e fuori dal comune. Quante volte siete rimasti incantati davanti al fascino poetico di questi giganteschi aeromobili sospinti quasi magicamente dalla forza di una fiamma? Approfitta di un weekend in Umbria per visitare la stupenda Assisi e realizzare un sogno che tenevi nel cassetto fin da bambino, magari in compagnia del vostro partner o degli amici di una vita: spiccare il volo è più facile di quanto sembra. 

18. I segreti della Milano sotterranea

Stregati dalle geometrie delle guglie del Duomo di Milano, è difficile pensare che tanta bellezza possa trovarsi anche al di sotto dei marmi lucenti della sua facciata gotica. Eppure, quattro metri sotto il livello della piazza, una serie di passaggi sotterranei porta ai resti del Battistero di San Giovanni alle Fonti, appartenente alla Basilica di Santa Tecla, risalente a più di mille anni fa. Le sorprese della Milano sotterranea però non finiscono qui: ti aspettano cripte e teatri romani, ‘sepolti’ in varie zone del centro storico. 

19. Una vacanza tutta da ridere

Concludi l’estate con un fine settimana all’insegna della comicità ‘nella città più caustica d’Italia! A Livorno c’è un festival per chi non si prende mai troppo sul serio – o almeno ci prova. ‘Il Senso del Ridicolo’ è un evento incentrato sui temi della satira e dell’umorismo, il primo nel suo genere sul territorio italiano. Non aspettarti però uno spettacolo in stile cabaret televisivo: la rassegna ha un taglio culturale e si declina in incontri, letture e dibattiti, ispirando risate, ma anche riflessioni non scontate sulla natura umana. Un’ottima scusa per visitare la bella Livorno a settembre. 

20. Salire su una nave da guerra sott’acqua

Le Cinque Terre sono note per le bellezze delle spiagge, per il buon cibo e il meraviglioso panorama con sccogli a strapiombo sul mare e le numerose frastagliature della Riviera di Levante. Ma, sapevi che sotto al livello del mare c’è molto di più? Parliamo di un vero e proprio paradiso per i subacquei. A due miglia dal porticciolo del borgo di Riomaggiore giace la Equa, giace una nave da guerra italiana affondata da fuoco tedesco nel 1944. Il relitto è molto suggestivo perché ancora armato e, tra cannoni e mitragliatrici, si è stabilizzata una folta comunità di pesci, crostacei e piante marine; le reti dei pescatori rendono il tutto ancora più scenografico.  

21. A Perugia per il cioccolato

Non resisti alla tentazione del cioccolato? Preparati a perdere la testa per un museo che offre la possibilità di degustare infinite qualità del ‘cibo degli dei’: dal fondente extra al bianco al pistacchio, fino a quello al latte con mirtilli e uvetta. Per soddisfare i peccati di gola bisogna fare tappa a Perugia. È qui che la Perugina ha creato la ‘Casa del Cioccolato’, uno spazio in tre ambienti: il Museo Storico, per conoscere l’eredità della rinomata azienda umbra; la Fabbrica, laboratorio dove nascono i prodotti e, infine, la Scuola, dove i visitatori imparano come si fa il cioccolato.  

22. Passa Una notte sull’albero e torna bambino

 Per chiunque in giovane età si sia immaginato architetto e abbia progettato una casa sull’albero, un fine settimana sopra una quercia rappresenterà una vacanza emozionante e fuori dal comune. A concedere quest’esperienza fiabesca, che tutti i viaggiatori romantici dovrebbero provare almeno una volta nella vita, è il Giardino dei Semplici, struttura ricettiva a pochi minuti dal centro di Manta (Cuneo), sulle Langhe, floride colline ai piedi delle Alpi occidentali. Per fare felici i vostri figli – o il bambino che è in te – c’è tempo da marzo a novembre.

23. Al trotto sulle Dolomiti

La vacanza in montagna è fantastica per le passeggiate, gli sport da neve, i centri benessere e la cucina genuina dei rifugi d’alta quota; con tutte queste distrazioni, un giro a cavallo è una delle ultime attività a cui pensare. Nelle stagioni calde, però, il versante altoatesino delle Dolomiti offre ai viaggiatori numerose possibilità per la pratica dell’equitazione: un modo diverso di vivere la montagna, conciliando il ritmo agile delle cavalcate con la calma dei paesaggi d’alta quota. Se non te la senti di lasciare la SPA dell’albergo, alcuni maneggi prevedono escursioni solo per bambini. 

24. A Torino per il cocktail resuscita morti

I cuori forti alla ricerca di trasgressione possono prenotare una vacanza a Torino per provare il drink dalle proprietà allucinogene definito dalla BBC come ‘la risposta italiana all’assenzio’. Il cocktail è chiamato Tamango ed è un’esclusiva del Les Arcades, un noto locale notturno torinese. Pare che un solo bicchiere di questo mix segreto di alcol, erbe e piante africane impiegate in riti sciamani dia una scossa di euforia incontenibile e una scarica di energia tale da alzarsi dal tavolo e scatenarsi al suono di ritmi tribali.  

25. Fai rafting nella valle del Sole

L’Italia può vantare il circuito naturale migliore d’Europa (e tra i primi dieci al mondo) per il rafting: il fiume Noce. Alimentato dai ghiacciai alpini, il corso d’acqua, meta prediletta per gli appassionati delle spericolate discese in gommone, scorre fra le Dolomiti, attraversando la Val di Sole. La discesa parte da Cusiano per concludersi nel paese di Dimaro; se buona parte del percorso è rilassata e permette di concentrarsi sulla purezza del paesaggio circostante, i due chilometri di rapide che portano a fondo valle faranno venire i brividi anche ai praticanti più esperti. Il percorso è adatto anche ai principianti: non ci sono dunque scuse per non saltare a bordo. 

Non ti resta che l’imbarazzo della scelta. Assicurati un biglietto ferroviario per il tuo prossimo viaggio: le vacanze alternative, se fatte in treno, hanno tutto un altro sapore!